Disposizioni per il giuramento delle traduzioni

– Si possono presentare per il giuramento massimo n. 10 atti, dopodiché bisognerà rimettersi in coda nella lista di prenotazione.

– Nei giorni di forte afflusso di utenti, la lista dei nominativi potrà essere ritirata in anticipo rispetto agli orari suindicati.

– I traduttori sono invitati a controllare, prima di presentare gli atti per la registrazione, che siano stati compiuti – nella formazione degli atti – tutti gli adempimenti di seguito indicati (spillatura o rilegatura dei fogli, applicazione delle marche secondo legge, firme di congiunzione, ecc..) con l’avvertenza che l’ufficio non è in grado di mettere a disposizione degli utenti materiale di lavoro (es.: spillatrici).

La traduzione deve essere giurata dal traduttore

Composizione dell’atto, nell’ordine:
* documento che si traduce   ** traduzione   *** verbale di giuramento devono essere uniti (mediante spillatura, rilegatura o altro) in modo da formare un unico atto;

Il “VERBALE DI GIURAMENTO” disponibile:
1) su www.tribunale.roma.it Settore civile – Ufficio Asseveramento perizie e traduzioni – Modulistica
2) a richiesta, in ufficio (da fotocopiare a cura del traduttore, nel caso di più traduzioni), deve essere compilato dal traduttore.
Nota Bene: se il traduttore è cittadino proveniente da un paese non appartenente all’Unione Europea, deve aggiungere, oltre ai dati del documento di riconoscimento anche i dati del suo permesso di soggiorno (da esibire in originale).

Disposizioni:
Il traduttore deve firmare le congiunzioni di tutti i fogli della traduzione, a partire da quella che unisce l’ultima facciata del documento tradotto, con la prima facciata della traduzione, ad eccezione della pagina che contiene il solo giuramento.
Nel caso in cui viene omessa la traduzione di alcune parti del documento, si deve specificare esattamente, prima della traduzione e nella stessa lingua, quali parti non sono state tradotte;
I timbri contenuti nel documento da tradurre devono essere descritti e tradotti, come pure le firme: se poco chiari, occorre precisarlo con espressioni tipo “timbro illeggibile”, “f.to illeggibile”, nella lingua della traduzione. Anche le foto e le marche devono essere menzionate dal traduttore (es. “foto dell’interessato”, “marca da”)
Non è consentito tradurre da una lingua straniera ad un’altra lingua straniera: il traduttore dovrà comporre l’atto, nell’ordine: *documento in lingua straniera, **traduzione in lingua italiana + 1° giuramento, ***traduzione nell’altra lingua straniera + 2° giuramento.

Consulta anche:

Traduzioni giurate

Legalizzazioni e apostille

Elenco esenzioni diritti del tribunale per le traduzioni giurate